giovedì 27 marzo 2014

le libraie

Le libraie sono persone che cominciano la loro giornata pensando
" L'Adalgisa c'è ?  " , intendendo se il libro di Gadda , a cura del bravissimo Claudio Vela ,sia custodito in libreria.
 Poi pensano, ricordandone con certezza  grata la presenza,, ad un buon caffè.

martedì 25 marzo 2014

Alle persone le cui fatiche vanno al di là del campo delle idee e penetrano in quello della realtà: agli ecologi del deserto, dovunque essi siano, in qualunque tempo essi operino, dedico questo mio tentativo di anticipazione in umitlà e ammirazione


                                Questa è la prima pagina del primo libro di "Dune", della prima
                            pubblicazione italiana, nella mitica "Serie d'oro", trovato casualmente
                                  nella libreria di una casa abbandonata sul fiume Sierpe

giovedì 20 marzo 2014

Lewis Carroll in immagini e parole

librirari

di questo la libraia è particolarmente orgogliosa
 ha affrontato di tutto per conservarlo :


  " Lewis Carroll in immagini e parole " a cura di Marco Amendolara, con uno scritto di Virginia Woolf, Ripostes edizioni , gennaio 1997

mercoledì 19 marzo 2014

Moti e Cadute


"Moti"  di Jacopo Narros
epopea surreale di 205 lettere

con cadute di Jacopo Ghisoni

 
Ancora qualche esemplare da catturare gratuitamente alla Libreria Ponchielli di Cremona

Decodeifica Atta Troll!


Bookcaseless


Su "Atta Troll!"





Atta Troll!


Povere creature che potreste vivere tanto felici soltanto a modo vostro e che invece dovete ballare al suono della musica di questi pedagoghi di orsi e produrvi in capriole artistiche che non vi verrebbe mai in mente di fare! E non vi ribellate mai, sebbene vi si intenda sempre in modo diverso da come vorreste voi. No, voi ripetete sempre meccanicamente a voi stessi la domanda che avete sentito porre: «A che cosa sono chiamato? Che cosa devo fare?». Basta che vi poniate queste domande e vi farete dire e ordinare ciò che dovete fare, vi farete prescrivere la vostra vocazione oppure ve la ordinerete ed imporrete voi stessi secondo le direttive dello spirito. Ciò comporta, per quel che riguarda la volontà, questo atteggiamento: io voglio ciò che devo.
Un uomo non è «chiamato» a nulla e non ha nessun «compito», nessuna «vocazione», così come una pianta o un fiore non hanno una «missione». Il fiore non svolge la sua missione di perfezionarsi, ma impiega tutte le sue forze a godere e a consumare il mondo meglio che può, cioè assorbe tanti succhi della terra, tanta aria dell’etere, tanta luce del sole quanta è in grado di riceverne e di contenerne. L’uccello non vive secondo una missione, ma usa le sue forze quanto può: va a caccia d’insetti e canta come vuole. Ma le forze del fiore e dell’uccello sono assai scarse in confronto a quelle dell’uomo e ben più potenti sono gli interventi nel mondo da parte di un uomo che adopera le proprie forze rispetto a quelli di un fiore o di un animale. Egli non ha una vocazione, bensì forze che si esprimono là dove sono, perché il loro modo di essere consiste unicamente nel loro esternarsi ed esse non possono mai restare inoperose, così come la vita stessa che, se si «fermasse» anche solo un secondo, non sarebbe più vita.


Max Stirner, L’unico e la sua proprietà 



                 
                    
                   

corruptio temporum?


ri-de-codifica del primo messaggio di ieri

ESSERE E TEMPO ...


panta rei pikidi



martedì 18 marzo 2014

Voci del Nord




 Sabato 22 marzo dalle ore 17.30 alle ore 18.30

Terzo incontro: "I generi letterari nell’Islanda medievale: l’Edda e la poesia di corte nell’età vichinga"

I due testi, di natura molto diversa, che prendono il nome di Edda costituiranno l’oggetto di questo incontro. Verrà analizzata la composizione dell’Edda poetica, accanto alla lettura di brani esemplificativi, e verrà offerta una panoramica sulla vicenda dei Volsunghi e dell’eroe Sigurð. Allo stesso modo si osserveranno da vicino la struttura e il contenuto dell’Edda di Snorri, uno degli esempi più di spicco della letteratura islandese medievale, assieme ad una panoramica sulla poesia di corte in età vichinga. 



L'incontro si svolgerà a Palazzo Cattaneo, via degli Oscasali 3, Cremona, il sabato dalle ore 17.00 alle 18:30, a partire da sabato 8 marzo con   cadenza   settimanale.   Il   contributo   per   la   partecipazione   ad   ogni
incontro è di €5, e la prenotazione è da effettuarsi allo 0372 23867 (Libreria Ponchielli), o al 346 6635335 (Roberto Pagani).

PER UNA FILOLOGIA MITE... CESARE SEGRE


decodifica del precedente messaggio di Antonio Rezza


- Il libro, Saviano con chi l'ha edito ... con Mondadori ... cioè dico ... come si fa, cioè io dico, anche a livello di ... moralità come si fa  a criticare un sistema lasciandosi appoggiare dallo stesso sistema. Cioè ... Mondadori penso che tutti sappiano a chi appartiene, no?    

- Non è Mondadori ... non è Mondadori ... 

- Non è Mondadori .. ? Con chi è uscito ... è Mondadori ... esce Gomorra con Mondadori e Gomorra parla male appunto della Camorra ... cioè io, poi ognuno è libero di fare quello che vuole ... se io dovessi parlar male di un sistema ... che poi è il sistema statale ... perché non esiste ... Camorra... non esiste Mafia senza appoggio dello Stato ... cioè io non lo pubblico con lo Stato stesso. Cioè mi sembrano meccanismi di percezione della realtà molto elementari. Cioè non è un editore indipendente quello che crea il profitto. Quindi, allora, qualcosa che non va c'è ... allora diciamo che quella casa editrice ha interesse che si parli del fenomeno? 

- sì, si vuole che si parli del fenomeno ... 

- per farne parlare dalle parrucchiere che adesso si sono avvicinate al problema della Camorra ...    


PB

"Pornografia" a Milano di Witold Gombrowicz; Luca Ronconi

 
incisione di Vladimiro Elvieri


www.gombrowicz.net





 

sabato 15 marzo 2014

Ingeborg Bachmann, ancora

" Sì, anch'io mi sono stupita, ma tardi, che in altri luoghi la gente non sappia leggere, almeno non rapidamente, ma la velocità è importante, non solo la concentrazione, capisce, chi potrebbe biascicare senza nausea una frase semplice o complicata  rimuginandola con gli occhi o perfino con la bocca; una frase che consista solo in un soggetto e in un predicato va goduta rapidamente, una frase con molti incisi proprio per questo va presa con una velocità pazzesca, con un impercettibile slalom delle pupille..."

                               da " Malina " Adelphi edizioni

Ingeborg Bachmann

"... I libri? Sì, leggo molto, ho sempre letto molto. No, non so se ci intendiamo. Preferisco leggere per terra, anche a letto, quasi sempre sdraiata, no, qui non si tratta tanto dei libri, ha a che fare soprattutto con la lettura, col nero dul bianco, con le lettere, le sillabe, le righe, queste inumane fissazioni, i segni, questi elementi determinanti, questo delirio cristallizzato in espressione, che viene dagli uomini.Mi creda, l'espressione è delirio, scaturisce dal nostro delirio. Ha anche a che fare col voltare le pagine, con il correre da una pagina all'altra, con la fuga, con la complicità di uno sfogo frenetico, ininterrotto, ha a che fare con la nefandezza di un enjambement , con l'assicurazione sulla vita in una frase sola, con l'assicurazione reversibile delle frasi nella vita.

... No, non prendo droghe, prendo solo libri, veramente ho anche delle preferenze, molti libri non mi fanno bene, certi li prendo solo al  mattino, altri soltanto la notte, ci sono libri che non lascio mai, vado in giro con loro per la casa, li porto dal soggiorno alla cucina, li leggo in piedi nel corridoio, non uso segnalibri, non muovo la bocca nel leggere...

" Schnitzleriana "


Faber dal fiume Sierpe


Faberlandia III


Dadartura Bologna 26 marzo ore 14



Siamo lieti di invitarvi alla presentazione di
RivistaDADA n°33 Arte e Natura
alla quale abbiamo contribuito con gli articoli:
Il codice dei sassi _ A bottega sulla spiaggia _ Dada incontra ArTura

Etica Crac Cremona


martedì 11 marzo 2014

sabato 8 marzo 2014

Mujer!


Faberlandia II


  Porterò pantaloni di flanella bianca, e camminerò sulla spiaggia.
  Ho udito le sirene cantare l'una all'altra.
  Non credo che canteranno per me.
   Le ho viste al largo cavalcare l'onde
   Pettinare la candida chioma dell'onde risospinte:
   Quando il vento rigonfia l'acqua bianca e nera

    Thomas Stearns Eliot, Il canto d'amore di Alfred J. Prufrock




Faberlandia


venerdì 7 marzo 2014

RUGGERO BACONE - LA SCIENZA SPERIMENTALE


RUGGERO BACONE
LA SCIENZA SPERIMENTALE
lettera a Clemente IV- la scienza sperimentale- i segreti dell'arte e della natura
cur. Francesco Bottin 
RUSCONI 1990, prima edizione

Nella Nuova Araldica ci sono solo mani e niente cuori ....

..tutte queste mani davanti alla bocca per non far leggere le parole dette...
che osceno spettacolo un uomo che non può usare la sua parola in modo limpido per dire, con voce chiara e forte, quanto sta pensando 



In sede storiografica l'intento dell'analitica esistenziale può essere chiarito così: Cartesio, a cui si attribuisce con la scoperta del cogito sum l'avvio della problematica filosofica moderna, indagò entro certi limti il cogitare dell'ego. Per contro lasciò del tutto indiscusso il sum, benché lo presenti come non meno originario del cogito. L'analitica pone il problema ontologico dell'essere del sum. Solo quando questo sarà determinato, risulterà comprensibile anche il modo di essere delle cogitationes
               
                                                    Martin Heidegger, Essere e tempo 
Nuova edizione italiana a cura di Franco Volpi sulla versione di Pietro Chiodi 

(PB)

100 cene 20 anni un progetto 29 marzo ore 19:30


Voci del Nord



        Storia e letteratura della Scandinavia dagli albori al medioevo islandese
***
Seminario in cinque incontri sulla storia, la cultura e la produzione
letteraria della Scandinavia nell'età medievale.
A cura di:

Roberto Pagani
         
Gli incontri si svolgeranno a Palazzo Cattaneo, via degli Oscasali 3,Cremona, il sabato dalle ore 17.00 alle 18:30, a partire da sabato 8 marzocon   cadenza   settimanale.   Il   contributo   per   la   partecipazione   ad   ogni
incontro è di 5, e la prenotazione è da effettuarsi allo 0372 23867 (Libreria
Ponchielli), o al 346 6635335 (Roberto Pagani).
Roberto Pagani è nato a Cremona. Ha studiato Lingue scandinave e inglese” all'Università degli studi di Milano, dove si è laureato con il massimo   dei   voti   discutendo   una   tesi   sull'elaborazione   di   una   lingua standard in Norvegia e Scozia. Nell'anno accademico 2012/2013 è stato studente Erasmus alla University of Edinburgh. È autore di Fondamenti di grammatica norvegese, la prima grammatica di questa lingua edita in italiano.
 

Programma:

Dalla cerchia nordica alle monarchie: la nascita di una civiltà

In questo primo incontro verrà proposta una panoramica sulla storia delle nazioni nordiche nel
medioevo, le loro strutture sociali e peculiarità culturali, come lalfabeto runico. Si affronterà la
questione della nascita della società vichinga, e dellemergere delle monarchie scandinave in età
medievale. Verrà inoltre proposta lanalisi di alcune epigrafi runiche.
Il mito e il genio letterario, dai giganti della brina al Ragnarǫk.
Saranno presentati gli elementi fondamentali della cosmogonia e cosmologia nordica assieme
alla presentazioni di alcune figure rilevanti nel pantheon scandinavo. Il corpus di miti rappresenta
il punto di partenza per lo sviluppo letterario successivo, fungendo da fondamento culturale. La
presentazione delle questioni mitologiche sarà accompagnata dalla lettura e analisi di alcuni brani
tratti dallEdda, genere che verrà approfondito nellincontro successivo.
I generi letterari nellIslanda medievale: lEdda e la poesia di corte nelleta vichinga.
I due testi, di natura molto diversa, che prendono il nome di Edda costituiranno loggetto di
questo incontro. Verrà analizzata la composizione dellEdda poetica, accanto alla lettura di brani
esemplificativi, e verrà offerta una panoramica sulla vicenda dei Volsunghi e delleroe Sigurð. Allo
stesso modo si osserveranno da vicino la struttura e il contenuto dellEdda di Snorri, uno degli
esempi più di spicco della letteratura islandese medievale.

I generi letterari nellIslanda medievale: le saghe, tra mito e storia

Verrà introdotto il genere letterario della saga, forse il più grande contributo islandese alla cultura letteraria dellEuropa medievale, osservandone le categorie, gli elementi formali, i temi e le peculiarità. Si guarderà da vicino la saga di Egill Skallagrímsson, turbolento vichingo e islandese e poeta senza eguali,di cui verranno letti alcuni passi significativi, inclusa brani dei testi poetici inclusi nella narrazione, come Sonatorrek (La perdita dei figli), considerata il primo esempio di poesia lirica del Nord. Verrà affrontata la questione della scoperta e colonizzazione del continente americanoda parte di esploratori vichinghi, da Eirík il rosso, primo colono in Groenlandia, a Leif Eiríksson, suo figlio, considerato il primo europeo ad aver messo piede in America.Verranno proposti alcuni passi della saga di Eirík il rosso” e della saga dei Groenlandesi.

Il Cristianesimo, il tramonto delleta vichinga 
e la compilazione dei testi

L’oggetto di questo incontro sarà l’arrivo della cristianità in Islanda, la fine dell’età vichinga el’inizio della tradizione manoscritta. Verrà introdotta l’importanza della storiografia medievale
quale strumento per l’affermazione di un’identità nazionale, assieme ad alcune tematiche peculiari del patrimonio letterario islandese del tempo. Sarà proposta la lettura di un brani tratti dall’Íslendingabók di Ari Þorgilsson, dalla Heimskringla di SnorriSturluson e dalle Gesta Danorum del
danese Saxo Grammaticus.