venerdì 18 gennaio 2019

da "Autunno", Aleksandr S. Puskin


Risultati immagini per puskin immagini


...E scordo il mondo, e nella dolce quiete
la fantasia m'induce a sonnolenza,
e la poesia si sveglia dentro me:
l'ondata lirica fa soggezione all'anima
che trepida, risuona, e cerca come in sogno
di riversarsi, finalmente libera. E' allora
che uno sciame di ospiti invisibili,
nati dal sogno, vecchi conoscenti, viene a me.

...Cavalieri in corazza e sultani tetri,
monaci, pellegrini e nani,
greche col rosario, corsari, re africani,
spagnoli col mantello, paladini, ebrei,
giganti e principesse prigioniere,
e voi, che la mia aurora preferiva,
voi signorine dalle spalle nude,
dagli occhi scuri, dai capelli lisci...


sabato 12 gennaio 2019


Per gli amici che hanno guardato e amato il nostro Pinocchio del 1944

Vecchi libri per l ’infanzia [II]



«Perché colleziona libri?» Nessuno ha mai esortato i bibliofili a riflettere su se stessi, con una domanda del genere? Come sarebbero interessanti le risposte, almeno quelle sincere! Poiché soltanto i non iniziati possono credere che anche qui non ci sia qualcosa da nascondere e mascherare. Orgoglio, solitudine, amarezza
- è questo il lato negativo di certe nature di collezionisti cosi colte e felici. Di quando in quando ogni passione rivela i suoi tratti demoniaci; la storia della bibliofilia può testimoniarlo più di ogni altra. Nulla di tutto questo compare nel credo da collezionista di Karl Hobrecker, la cui grande raccolta di libri per bambini è ora resa nota al pubblico dalla sua opera. Per coloro a cui non lo dicesse la persona cordiale, fine dell’autore, a cui non lo dicesse ogni pagina del libro, sarebbe sufficiente riflettere: poteva scoprire questo campo di collezione - il libro infantile - soltanto chi non ha ripudiato la gioia infantile per esso. Essa è l’origine della sua biblioteca, e di essa avrà bisogno ogni altra simile, per poter prosperare. Un libro, anzi una pagina di un libro, una semplice illustrazione nella copia antiquata, che forse è stata ereditata dalla madre e dalla nonna, può essere il supporto intorno a cui si avvolge la prima, tenera radice di questa inclinazione. Non importa che la copertina sia mezza staccata, che manchino delle pagine e che qua e là mani maldestre abbiano colorato le silografie. La ricerca del bell'esemplare ha la sua giustificazione, ma proprio qui il pedante si romperà l’osso del collo. Ed è un bene, che la patina che le mani non lavate dei bambini hanno posato sulle pagine tenga lontano il bibliofilo snob. Quando Hobrecker cominciò la sua collezione, venticinque anni fa, i vecchi libri per bambini erano considerati cartaccia. Egli ha anzitutto offerto loro un rifugio dove sono protetti dal macero per un certo tempo. Tra le parecchie migliaia che riempiono i suoi armadi alcune centinaia possono ritrovarsi soltanto da lui, in un’unica, ultima copia. Questo primo archivista del libro infantile non si presenta affatto al pubblico, nel suo libro, con la dignità e gravità del suo grado. Non cerca di ottenere approvazione per il suo lavoro, ma partecipazione alla bellezza che esso gli ha dischiuso.[...]

Comunque sia: se si considera sia la figura interna che quella esterna della stessa opera di Hobrecker, essa è interamente pervasa dal fascino dei più amabili libri romantici per bambini. Silo- grafie, illustrazioni a tutta pagina, silhouette e illustrazioni finemente colorate inserite nel testo, fanno di quest’opera un libro di casa estremamente piacevole, che non è soltanto una gioia per l’adulto, ma può essere benissimo dato in mano ai bambini affinché cerchino di imparare l’alfabeto sui testi dei vecchi abbecedari o di dipingere secondo il modello delle illustrazioni. Quanto al collezionista, soltanto il timore di veder salire i prezzi getterà un’ombra sulla sua gioia. In compenso gli rimane la speranza che quest’opera possa salvare la vita a qualche volumetto che era stato negligentemente votato alla distruzione.
[1924]


Walter Benjamin, Alte vergessene kinderbucher [II], in W. Benjamin, Opere complete vol. 2 (1923-1927), Torino: Einaudi, 2001, pp. 50-57.

venerdì 11 gennaio 2019

"La carta", Pierluigi Cappello, (Tutte le poesie 1922-2017)



Resta la carta mentre mi dileguo
specchio di me ma che non è me stesso
rimedio oppure tedio quando intesso
trame di me scrivendomi e m'inseguo


Risultati immagini per pierluigi cappello

"Elementare", Pierluigi Cappello (Tutte le poesie 1992-2017)



E c'è che vorrei il cielo elementare
azzurro come i mari degli atlanti
la tersità di un indice che dica
questa è la terra, il blu che vedi è mare.


Risultati immagini per pierluigi cappello

giovedì 10 gennaio 2019

Domani sera in Kavarna




Immersi nell'epopea di gesta populiste e reazionarie, decantate ieri da Minniti ed oggi dal duetto Salvini-Di Maio, scaviamo in profondità dell'inferno odierno. Se siamo stranieri ovunque, in territorio nemico è ancora possibile occupare gli spazi per bloccare il tempo dell'oppressione; anche se ci vorrebbero sudditi e muti senza uno straccio di pensiero.

Ore 20 se magna...
Ore 21 se riflette... Ne parleremo con alcune compagne che hanno approfondito l'argomento