giovedì 22 giugno 2017

Show, Giorgio Caproni

Guardateli bene in faccia.

Guardateli.

                Alla televisione,
magari, in luogo
di guardar la partita.

 Son loro, i "governanti".

 Le nostre "guide".

                            I "tutori"
-eletti-della nostra vita.

 Guardateli.

                 Ripugnanti.

  Sordidi fautori
dell'"ordine", il limo
del loro animo tinge
di pus la sicumera
dei lineamenti.

                   Sono
(ben messi!) i nostri
illibati Ministri.

 Sono i Senatori.

                         I sinistri
-i provvidi!-Sindacalisti.

 "Lottano" per il bene
del Paese.

             Contro i Terroristi
e la Mafia.

              Loro,
che dentro son più tristi
dei più tristi eversori.

  Arrampichini.

                     Arrivisti.

 In nome del Popolo (Avanti!
Sempre Avanti), in perfetta
Unità arraffano
capitali-si fabbricano
ville.

        Investono
all'estero, mentre "auspicano"
(Dio, quanto auspicano!)
pace e giustizia.

                      Loro,
i veri seviziatori
della Giustizia in nome
(sempre, sempre in nome!)
del Dollaro e dell'Oro.

  Guardateli, i grandi attori:
i guitti.

            Degni
-tutti- dei loro elettori.

   Proteggono i Valori
(in Borsa!) e le Istituzioni...

    Ma cosa si nasconde
dietro le invereconde
Maschere?

              Il Male
che dicono di combattere?...

   Toglieteceli davanti.

    Per sempre.

                       Tutti quanti.           

martedì 20 giugno 2017

Franca Cavagnoli, James Joyce

 Riportiamo parte di un articolo pubblicato sul Il Piccolo, quotidiano di Trieste.
 Intervista a Franca Cavagnoli.




Quali sono gli strumenti di cui necessita oggi un traduttore per trasporre nella propria lingua un gigante come Joyce?

«Un bagaglio di vaste letture sull’autore e la sua opera, buoni dizionari, bilingui e monolingui, come A Dictionary of Hiberno-English. E poi c'è la rete, per cui è più facile comprendere come vengono usati certi colloquialismi di Dublino, o capire, anche grazie alle immagini, com’è fatto ad esempio un certo portico o una certa carrozza».

Un ritratto dell'artista da giovane è una guida all'insurrezione contro ogni ordine stabilito. Pensa che sia uno di quei libri che – soprattutto a un giovane lettore – può cambiare la vita?

«Ne sono convinta. In questi mesi ho presentato la traduzione ad alcuni gruppi di liceali. È stata un’esperienza molto bella. Hanno fatto domande interessanti, erano partecipi. Ne sono stata particolarmente felice perché Un ritratto dell’artista da giovane è stato il romanzo fondamentale della mia adolescenza. Credo che la mia passione politica sia nata leggendo questo libro. Ne ho avuto la conferma lavorando alla traduzione: nelle settimane in cui traducevo il primo capitolo, alla fine della giornata avevo sempre qualche linea di febbre tanto intensamente rivivevo le emozioni di quel tempo, e così pure mentre traducevo le prediche di padre Arnall. Questo è anche il libro che mi ha aiutato nella mia crisi religiosa, facendomi prendere consapevolezza del fatto che avevo ormai perso la fede».

Nel libro ci sono riferimenti a Giordano Bruno. È forse lui il “vecchio artefice” a cui fa appello il giovane Stephen?

«La prima volta che la parola “artefice” compare nel testo è in rapporto a Dedalo, quando a Stephen pare di vedere una forma alta volare sopra le onde e adagio salire nell’aria. Anche la seconda volta è in rapporto a Dedalo, “il grande artefice di cui portava il nome”. Quando compare per la terza volta, alla fine del romanzo, si potrebbe pensare che sia di nuovo a lui che fa appello. Tuttavia, credo che il “vecchio padre” al quale l'autore chiede di “sorreggerlo” sia John Joyce, suo padre. Il romanzo inizia con la sua voce, con la voce del padre – non la voce della madre – che racconta al piccolo Stephen una storia. Il libro si chiude tracciando un cerchio perfetto: al momento del distacco, della partenza dall’Irlanda, è al padre, all’artefice della sua vita, che Stephen chiede di andare ora e sempre in suo soccorso».

Uno dei fili rossi di Un ritratto dell'artista da giovane è costruito attorno al termine “mormorio”. Lo troviamo ad esempio nella descrizione del primo incontro con la prostituta. Cos'è questo mormorio che tanto ossessiona Stephen?

«Anche nel descrivere Stephen da bambino Joyce ricorre più volte alla parola “mormorio” o al verbo e agli aggettivi che da essa derivano. Se pensiamo che “mormorare” si dice soprattutto delle acque che scorrono o delle onde che lambiscono la riva e del rumore del vento tra le fronde, si potrebbe pensare che sia legato a qualcosa di inafferrabile, di fluido. E tutto questo è molto joyciano. E' inoltre una parola con un suono bellissimo, che racchiude una consonanza felice. Anche in Giacomo Joyce, la più triestina delle sue opere, essendo stata concepita, ambientata e scritta a Trieste, il gioco di allitterazioni, assonanze e consonanze è così vivo e palpitante, che il testo diventa comprensibile anche solo leggendolo/ascoltandolo a questo livello. Tradurlo per il piccolo editore milanese Henry Beyle è stata per me una vera festa – una festa mobile, come tutto è mobile, fluido, in Joyce».

Cosa intende Stephen quando dice che la sua missione è di “foggiare nella fucina dell'anima la coscienza increata della mia razza”?

«Naturalmente è una frase aperta all’interpretazione. Credo che intenda che si accinge a dare forma alla coscienza ancora informe della sua gente, del suo popolo, e lo farà nel luogo più riposto dentro di sé, quello più intimo, l’anima. Là dove non si può mentire, dove si è se stessi fino in fondo. Sarà lui a creare la coscienza del popolo irlandese e lo farà con la scrittura. È una dichiarazione di assunzione di responsabilità, in cui Stephen affonda le radici della sua etica di scrittore».


fonte articolo

Albin Lesky, Storia della letteratura greca:Finalmente ristampato per ilSaggiatore

Risultati immagini per pino pascali
Immagine di Pino Pascali