domenica 11 novembre 2018

Non fate arrabbiare i librai (antiquari) perchè.... (grazie a Il Post che ha reso nota la vicenda)

Questa settimana è successa una cosa rara: una categoria di commercianti ha organizzato uno sciopero internazionale contro una società di Amazon e in due giorni ha ottenuto esattamente ciò che chiedeva. I commercianti in questione, peraltro, non sono una categoria considerata particolarmente influente: si tratta dei librai antiquari.
Tutto è cominciato dopo che AbeBooks, il sito di Amazon specializzato nella vendita di libri usati e rari, aveva annunciato che avrebbe smesso di lavorare con le librerie antiquarie di Corea del Sud, Polonia, Repubblica Ceca, Russia e Ungheria. I librai antiquari sono una categoria di commercianti i cui membri mantengono forti legami tra loro anche a livello internazionale: per questo quasi 600 librerie di 27 paesi hanno aderito allo sciopero, rimuovendo i loro libri dal catalogo di AbeBooks, per protestare in favore dei colleghi coreani, polacchi, cechi, russi e ungheresi.
La protesta, iniziata lunedì, doveva durare una settimana, ma dato che ha ottenuto subito il suo scopo alla fine si è conclusa mercoledì. In quei due giorni sono stati rimossi da AbeBooks più di 3 milioni e 790mila libri in vendita. Tra le librerie antiquarie che hanno aderito alla protesta ce ne sono anche state anche 25 italiane.
La situazione si è risolta dopo che la libraia australiana Sally Burdon, presidente dell’International League of Antiquarian Booksellers, ha parlato con Arkady Vitrouk, l’amministratore delegato di AbeBooks. Mercoledì Burdon ha scritto ai suoi colleghi che Vitrouk si era scusato «più volte» con lei e le aveva promesso che i li
brai coreani, polacchi, cechi, russi e ungheresi potranno continuare a vendere i propri libri su AbeBooks anche dopo il 30 novembre, contrariamente a quanto annunciato.
La società non ha mai spiegato bene perché volesse smettere di lavorare con i librai dei paesi in questione dicendo solo che il problema riguardava i metodi di pagamento; il fatto che avesse dato poche informazioni, lentamente e con riluttanza (cosa non insolita per Amazon, che è un’azienda che tiene molto alla segretezza) aveva particolarmente irritato i librai. Rispondendo al Guardian, AbeBooks ha detto di stare lavorando per risolvere i problemi, non meglio specificati, riguardo i pagamenti. Scott Brown, un libraio antiquario della California che ha fatto parte dell’organizzazione dello sciopero, ha spiegato al New York Times che la noncuranza con cui AbeBooks aveva annunciato di voler lasciare alcuni paesi e la scarsità di informazioni fornite dall’azienda aveva fatto temere ai librai di tutto il mondo che i loro paesi avrebbero potuto essere i prossimi.
Tutti i giornali che hanno parlato dello sciopero hanno citato il motto della comunità internazionale dei librai antiquari, «Amor librorum nos unit», cioè «Ci unisce l’amore per i libri», per spiegare la peculiarità dei rapporti che legano i librai di tutto il mondo e il motivo del successo della loro iniziativa. Juozas Kaziukenas, l’amministratore delegato di Marketplace Pulse, una società di consulenza esperta di e-commerce, ha detto al New York Times che probabilmente non era mai capitato che una categoria di venditori riuscisse a ottenere qualcosa da Amazon: «Uno sciopero sul sito di Amazon sarebbe difficilissimo da portare avanti perché ci sono troppi venditori che non fanno parte di una comunità organizzata».
Anche nei rapporti con le case editrici, che negli anni sono stati più volte problematici, sia negli Stati Uniti che in Italia e altrove, Amazon ha dimostrato più volte di non voler scendere a compromessi forte del fatto che tantissimi venditori di tantissimi tipi diversi di prodotti usano i suoi siti per fare affari e quindi ognuno di loro è facilmente sostituibile. Negli Stati Uniti di recente è nata un’associazione per provare a mettere insieme i venditori di Amazon, la Online Merchants Guild (OMG), per ora però non ha organizzato nulla di simile allo sciopero dei librai antiquari.

Non fate arrabbiare i librai (antiquari)

venerdì 9 novembre 2018

Bella, Raffaello Baldini, Quodlibet





Torna ogni tanto, per sua madre,
sta poco, due tre giorni, non esce mai,
io poi sono sempre fuori.
L'ho incontrata per caso, in farmacia,
"Ma quant'è che non ci vediamo?",
mi è sembrata più piccola,
"Hai i capelli corti", che li aveva lunghi, sulle spalle,
ha chiuso gli occhi:"Ti ricordi dei miei capelli?"


Vinicio ci aveva fatto una passione.E lei niente. Con quegli occhi verdi e il maglione giallo.
                                                                                                             
Le  aveva fatto la corte anche Lele Guarneri,
e la domenica veniva da Cesena
a ballare un biondo con una Giulietta sprint.
Io, era troppo bella, non m'arrischiavo.


Dopo l'ho accompagnata fino a casa,
ha aperto, ho detto:"Cosa avrei pagato allora
per non portare gli occhiali!",
ha riso:"Ci vediamo fra altri vent'anni",
poi dal portone accostato, prima di chiudere,
m'ha guardato:"Mi piacevi",
senza ridere, "quante notti t'ho sognato!"

mercoledì 7 novembre 2018

Finché esisterà miseria ci sarà ribellione – 9 e 10 novembre due giorni di solidarietà in Kavarna


Venerdì 9 novembre
ore 19,30 se magna...
ore 21,00 presentazione e approfondimento della lotta Mapuche e della lotta anticarceraria in Cile.  Con alcuni solidali parleremo del '' Caso Security'', una discussione che ci porti a riflettere su come attaccare la repressione, per la libertà di tutti gli individui, senza confini.
Sabato 10 novembre
dalle 23 serata benefit a favore della lotta Mapuche e dei prigionieri libertari con eletro-tekno dj e live set
















































































































































































































































































































































































































































































lunedì 5 novembre 2018

e anche questo raccontava Georg Trakl




L'acero rosso fruscia.
Al viandante appare l'osteriola in via.
Splendido gusto han vino novello e noci.
Splendido barcollar ebbro per il bosco bruno.


           da "Poesie", Letteratura universale Marsilio ,
traduzione di  Enrico De Angelis