lunedì 19 settembre 2022

Chiusura mostra "Nonluoghi" (+aperitivo home-made!)

Domani, martedì 20 settembre, la mostra d'arte contemporanea "Nonluoghi" resterà aperta per l'ultimo giorno. In occasione della chiusura, a partire dalle 19:00 avremo un aperitivo con dolci e snack fatti a mano! Sarà anche un'occasione per scambiare due chiacchiere con l'artista, Valeria Fiorello, e per chiarire eventuali dubbi o domande. Vi attendiamo in molti!

sabato 17 settembre 2022

Marina Cvetaeva

Sono contenta che voi siate ammalato non di me, sono contenta che io sia ammalata non di voi, che mai la pesante sfera terrestre mancherà sotto i nostri piedi. Sono contenta che si possa essere buffe lasciate andare e non giocare con le parole, e non arrossire di un’onda soffocante appena sfiorandosi con le maniche. Sono contenta, inoltre, che voi davanti a me tranquillamente abbracciate un’altra, non mi augurate di bruciare nel fuoco infernale perché bacio non voi. Che il mio dolce nome, mio tenero, non ricordiate né di giorno né di notte invano… Che mai nel silenzio di una chiesa canteranno sopra di noi: Alleluja! Vi ringrazio con il cuore e con la mano per il fatto che voi senza saperlo!- così mi amate: per la mia tranquillità notturna, per la rarità degli incontri alle ore del tramonto, per le nostre non-passeggiate sotto la luna, per il sole non sopra le nostre teste, per il fatto che voi siate ammalato ahimé!- non di me, per il fatto che io sia ammalata ahimé!- non di voi.

martedì 13 settembre 2022

Stasera alle 19:00 incontro con l'artista della mostra "Nonluoghi" Valeria Fiorello

 Questa sera alle 19:00 l'autrice della mostra "Nonluoghi", Valeria Fiorello, sarà in libreria per riflettere insieme sui non luoghi e sull'arte e per rispondere a eventuali domande riguardo l'esposizione. Sarà un incontro molto libero e informale. Non mancate! 





sabato 27 agosto 2022

"Nonluoghi" di Valeria Fiorello, mostra d'arte contemporanea dal 25 agosto al 20 settembre 2022

 “Vi sono spazi in cui l’individuo si mette alla prova come spettatore senza che la natura dello spettacolo lo interessi veramente. Come se la condizione di spettatore costituisse l’essenziale dello spettacolo, come se, in definitiva, lo spettatore in posizione di spettatore fosse lo spettacolo in sé stesso.”

“Se un luogo può definirsi come identitario, relazionale, storico, uno spazio che non può definirsi identitario, relazionale e storico definirà un nonluogo.”

Marc Augè, “Nonluoghi. Introduzione a una antropologia della surmodernità”